Agenzia PC Infortuni | È responsabile il medico radiologo
8
post-template-default,single,single-post,postid-8,single-format-gallery,bridge-core-3.0.6,customer-area-active,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-29.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.10.0,vc_responsive
 

È responsabile il medico radiologo

È responsabile il medico radiologo

che non prescrive al paziente ulteriori esami o terapie aggiuntive. Pronunciandosi su una questione relativa al risarcimento dei danni patiti in conseguenza del ritardo diagnostico, la Cassazione ha espresso il seguente principio di diritto: “il medico radiologo, essendo, al pari degli altri sanitari, tenuto alla diligenza specifica di cui all’art. 1176, comma 2, c.c., non può limitarsi ad una mera e formale lettura degli esiti dell’esame diagnostico effettuato, ma, allorché tali esiti lo suggeriscano, è tenuto ad attivarsi per un approfondimento della situazione, dovendo, quindi, prospettare al paziente anche la necessità o l’esigenza di far fronte ad ulteriori e più adeguati esami”.

Così ha deciso la Cassazione nella sentenza n. 37728 del 23 dicembre 2022.

In definitiva, il medico – nel caso di specie un radiologo – che omette di svolgere e/o consigliare un check-up completo, è civilmente responsabile e pertanto chiamato a rispondere dei danni patiti dal paziente.