Agenzia PC Infortuni | VITTIMA DI UN SINISTRO? HAI DIRITTO AD OTTENERE LE IMMAGINI DI VIDEOSORVEGLIANZA
16251
post-template-default,single,single-post,postid-16251,single-format-gallery,bridge-core-3.0.6,customer-area-active,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-29.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.10.0,vc_responsive
 

VITTIMA DI UN SINISTRO? HAI DIRITTO AD OTTENERE LE IMMAGINI DI VIDEOSORVEGLIANZA

VITTIMA DI UN SINISTRO? HAI DIRITTO AD OTTENERE LE IMMAGINI DI VIDEOSORVEGLIANZA

A chi, purtroppo, ha subito diversi incidenti sarà capitato diverse volte: “avevo ragione io” “non ti ho visto proprio, sei comparso all’improvviso” “dovevi darmi la precedenza” queste sono le affermazioni più ricorrenti che si ascoltano nei dialoghi immediatamente successivi ad un sinistro stradale tra i vari soggetti interessati.

L’unico modo per dirimere la contesa è rivolgersi a quell’occhio che ha impresso bene in mente (o forse converrebbe dire memoria) la scena e l’ha ripresa dall’inizio alla fine.
Ci riferiamo alle telecamere di sorveglianza pubbliche, le uniche davvero capaci di riprodurre fedelmente ed oggettivamente la dinamica del sinistro. Ecco quindi che l’eventuale rifiuto da parte dell'Amministrazione competente al rilascio delle immagini, può essere legittimamente contestato davanti al giudice amministrativo.

Questo è quanto si legge nella sentenza TAR Marche, sez. II, n. 538 del 4 settembre 2023 in cui si specifica che “salvo il diritto alla riservatezza dei soggetti estranei all’incidente deve sempre essere consentito il diritto d’accesso ai filmati catturati dai sistemi di videosorveglianza ai soggetti coinvolti in un incidente stradale”