Aumenti Tabelle di Milano 2024: Cosa cambierà?
16390
post-template-default,single,single-post,postid-16390,single-format-gallery,bridge-core-3.0.6,customer-area-active,qode-page-transition-enabled,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-29.3,qode-theme-bridge,wpb-js-composer js-comp-ver-6.10.0,vc_responsive
 

Aumenti Tabelle di Milano 2024: Cosa cambierà?

Aumenti Tabelle di Milano 2024: Cosa cambierà?

Esaminiamo come vengono calcolati i risarcimenti per il danno non patrimoniale a seguito degli ultimi aumenti delle Tabelle di Milano. Questo sistema si applica anche ai casi di risarcimento per danni da malasanità, per pazienti lesi e familiari di pazienti con gravi invalidità o che hanno perso la vita.

L’aggiornamento delle Tabelle di Milano 2024, con un aumento del 16,2268% basato sugli indici ISTAT al 1 gennaio 2024, è un passo rilevante nel panorama forense e medico-legale.

Le modifiche, implementate anche dal Tribunale di Roma e dall’Osservatorio per la Giustizia Civile del Tribunale di Milano, nel documento a firma del suo coordinatore Dott. Damiano Spera, rivisitano i valori monetari per il danno biologico e non patrimoniale.

Ad esempio, il punto base per il danno biologico è stato rivalutato da € 1.198,76 a € 1.393,28. Per un individuo di 40 anni con danno morale medio, la liquidazione è aumentata da € 107.641 a € 148.419 secondo le nuove tabelle. Inoltre, per la perdita di un figlio unico di 22 anni, convivente con una madre di 50 anni, il risarcimento è passato da € 323.040 a € 375.456.

Le variazioni sono notevoli se si pensa che il punto base per il danno biologico l'(1% di danno biologico per un soggetto di un anno di età senza danno morale o personalizzazione) passa da € 1.198,76 a € 1.393,28.

Questi aggiornamenti sollevano interrogativi significativi sulla sostenibilità del sistema giuridico e sull’eventuale impatto sull’industria assicurativa considerando gli aumenti delle Tabelle di Milano (le più utilizzate nell’ambito della liquidazione del danno a persona).

L’aumento dei premi assicurativi potrebbe essere una conseguenza diretta dell’accentuazione dei sinistri di gravità, potenzialmente aumentando sia il numero di controversie legali sia le resistenze alla risoluzione extragiudiziale.

Questo è particolarmente rilevante se si riflette sulla sostenibilità del sistema, argomento su cui il Consiglio di Stato ha già espresso le proprie riserve riguardo alle tabelle proposte dal IVASS, respingendole.

È evidente che l’apporto dei periti medico-legali diventerà cruciale per valutare il danno a persona, riflettendo un aumento del 16% nelle liquidazioni complessive.

È imperativo che gli specialisti mantengano integrità, precisione clinica e indipendenza da pressioni esterne.

Per ulteriori informazioni su come affrontare casi di danni a persona e per consulenze medico-legali dettagliate, non esitate a contattare la nostra agenzia specializzata.